Contenuto principale

Messaggio di avviso

Opzione 5x1000

5000 volte GRAZIE!

In evidenza

Nei giorni 28 e 29 maggio 2019 donazioni sospese nei presidi di Magenta e Abbiategrasso

Il nostro direttore sanitario informa...   Sui virus da puntura di zanzara...

Come donare, dove donare...

Per donare di sabato o domenica a Bareggio e dintorni nel 2019

ciclo West Nile Virus

Vi proponiamo la versione riassunta, tradotta e adattata di un articolo (in inglese) che potrete trovare qui.

Aspetti principali

  • Il virus del Nilo occidentale può causare una malattia neurologica fatale nell'uomo.
  • In circa l'80% delle persone infette non mostra alcun sintomo.
  • Il virus del Nilo occidentale viene trasmesso principalmente alle persone attraverso i morsi delle zanzare infette.
  • Il virus può causare gravi malattie e morte nei cavalli.
  • I vaccini sono disponibili per l'uso nei cavalli ma non sono ancora disponibili per le persone.
  • Gli uccelli sono gli ospiti naturali del virus del Nilo occidentale.

Il West Nile Virus (WNV) può causare malattie neurologiche e morte nelle persone.

Si trova comunemente in Africa, Europa, Medio Oriente, Nord America e Asia occidentale e si propaga in natura in un ciclo che coinvolge la trasmissione tra uccelli e zanzare. Possono essere infettati umani, cavalli e altri mammiferi.

West Nile Virus (WNV) è un membro del genere flavivirus e appartiene al complesso antigenico dell'encefalite giapponese della famiglia Flaviviridae.

Focolai

Il virus del Nilo occidentale (WNV) fu isolato per la prima volta nel distretto del Nilo occidentale, in Uganda, nel 1937. successivamente fu identificato negli uccelli (corvi e columbiformi) nella regione del delta del Nilo nel 1953.

Prima del 1997 il WNV non era considerato patogeno per gli uccelli, poi una varietà più aggressiva causò la morte di diverse specie, con segni di encefalite e paralisi.

Le infezioni umane attribuibili a WNV sono state segnalate in molti paesi del mondo da oltre 50 anni.

Trasmissione

L'infezione negli umani è il risultato di morsi di zanzare, le quali si infettano quando si nutrono del sangue di uccelli portatori del virus.

Il virus può anche essere trasmesso attraverso il contatto con altri animali infetti, il loro sangue o altri tessuti.

Una percentuale molto piccola di infezioni umane si è verificata attraverso il trapianto di organi, le trasfusioni di sangue e il latte materno.

Ad oggi, non è stata documentata alcuna trasmissione da uomo a uomo di WNV attraverso contatti casuali e non è stata segnalata alcuna trasmissione di WNV agli operatori sanitari quando sono state adottate precauzioni standard di controllo delle infezioni.

Segni e sintomi

L'infezione da WNV è asintomatica (senza sintomi) in circa l'80% delle persone infette, mentre può portare alla febbre o alla grave malattia del Nilo occidentale in alcuni casi.

Il periodo di incubazione è in genere da 3 a 14 giorni. Circa il 20% delle persone che vengono infettate svilupperanno febbre. I sintomi includono febbre, mal di testa, stanchezza e dolori muscolari, nausea, vomito, occasionalmente con un'eruzione cutanea (sul tronco del corpo) e ghiandole linfatiche gonfie.

I sintomi della malattia grave (chiamata anche neuroinvasiva, come l'encefalite o meningite o poliomielite) comprendono mal di testa, febbre alta, rigidità del collo, stupore, disorientamento, coma, tremori, convulsioni, debolezza muscolare e paralisi.

Si stima che circa 1 persona su 150 infettata dal virus svilupperà una forma più grave di malattia e, in generale, questo avviene in persone di età superiore ai 50 anni e immunocompromesse.

Altre informazioni presso il Centro Nazionale Sangue.